La zattera della Medusa – A.Conti

di Alessandro Conti

La Zattera della Medusa - Thèodore Gèricault


DEDICA

Dedico questo mio scritto al mio amato mentore Mario Krejis e agli amici della Fratellanza Ermetica, con i quali condivido il più nobile dei sentimenti umani, l’amore per il bene sincero.

 

Premessa

Ho voluto prendere spunto dal titolo di un’opera d’arte del grande pittore ottocentesco Thèodore Gèricault (1791-1824) per parlare del dramma nell’ uomo. Vorrei trattare non solo l’aspetto filosofico e morale ma anche l’evento escatologico (nel senso intenso del fine). Non è mia intenzione affrontare questo tema in modo troppo analitico per evitare di cadere nella trappola della retorica intellettuale.

La filosofia del sincretismo – P.Dalla Vigna

Prefazione di Pierre dalla Vigna al Corpo Ermetico, Asclepio – Edizioni Mimesis

Corpo Ermetico, Asclepio


La leggenda di Ermete Trismegisto, il tre volte grandissimo, ha le sue origini più lontane nel periodo dell’impresa di Alessandro magno. La conquista greco-macedone dell’impero persiano ebbe come conseguenza immediata una trasformazione radicale della tradizione culturale greca che, estendendosi ora sugli immensi territori tra il Nilo e l’Indo, entrava in correlazione strettissima con concezioni orientali che per l’Occidente erano rimaste celate per molto tempo in un’aura mitica.[1]

Apparentemente, la civiltà greca riusciva vincitrice in un secolare conflitto, fondando le sue polis fino alle pendici del Pamir. In effetti, l’orizzonte stesso della polis, nonché della filosofia ellenica, che su quella dimensione era fondata, dopo il 323 a.C. era destinata a subire una trasformazione così radicale che presto gli stessi termini avrebbero richiamato altri concetti.[2]

Il Mistero di Sirio – Temple R.K.G.

di Robert K.G. Temple Il Mistero di Sirio

INTRODUZIONE

Qual è il mistero?

 

La domanda che questo libro si pone è: la Terra è stata visitata in passato da esseri intelligenti che provenivano dal sistema della stella Sirio?

Quando ho cominciato a scrivere questo libro, nel 1967, tale questione si era posta a causa di una tribù africana, la tribù dei Dogon, che vive nel Mali e che si era scoperto allora possedere un’informazione riguardante il sistema della stella Sirio. Tale informazione era così incredibile che fui spinto a ricercarne le fonti. I risultati a cui sono giunto nel 1974, sette anni più tardi, dimostrano che l’informazione di cui i Dogon sono in possesso è antica più di cinquemila anni ed era conosciuta dagli antichi Egizi nei periodi predinastici precedenti al 3200 a.C., dai quali Egizi i Dogon discendono in parte dal punto di vista culturale e probabilmente anche dal punto di vista fisico, come dimostrerò più avanti.

Custodi dell’Immortalità – P.Magaletti

Presentazione del libro “Custodi dell’Immortalità” di Piero Magaletti – Mario Krejis

Non conosco personalmente Piero Magaletti. Quello che so per certo è che un figlio della mia terra oltre che un giovane e appassionato studioso di Egittologia. Il suo recente libro, “Custodi dell’Immortalità”, edito dalla Casa Editrice Bastogi, è frutto di lunghi anni di studi storici e scientifici, condotti a volte contro l’opinione dominante, nella coraggiosa ricerca -tutta giovanile- della Verità oltre l’apparenza.

Il suo libro offre una chiave interpretativa intelligente e originale del significato delle Piramidi di Giza, generalmente ritenute edifici funebri, ma in realtà Strutture propiziatorie dal profondo significato magico, in stretto collegamento con la Costellazione di Orione, materna e feconda Generatrice di Stelle e di Dei.

Il Tantrismo – J.L.Bernard

di Jean Louis Bernard

CAPITOLO I

ARCHEOLOGIA DEL TANTRISMO

 

Alcuni osservatori perspicaci hanno osservato che il tantrismo era penetrato in Occidente dopo la guerra 1940-45 e che si diffondeva soprattutto con una sorta di propagazione bocca-orecchio piuttosto che non attraverso i manuali, generalmente privi di valore pratico. Se non esiste una scuola nella stretta accezione del termine è pur vero che si può legittimamente parlare di un movimento tantrico che ha presa su tutti gli ambienti dinamici.

Lo yoga sessuale può essere uno yoga casto, uno dei tanti paradossi del tantrismo. Vi sono tantrika che fanno distinzione tra Via Secca (casta) e Via Umida (non casta) parafrasando il linguaggio dell’alchimia. Il che dà corpo alla graduazione esistente tra sessualità (fenomeno sanguigno e ghiandolare) ed erotismo (fenomeno nervoso e psichico che interviene anche in carenza di eccitazione sessuale). I trovatori della Linguadoca e di Provenza hanno praticato uno yoga sessuale casto che approfondiremo più avanti.